RIFORMA, 2 ottobre 2017 – Le frontiere mobili viste da Palermo – RASSEGNA STAMPA

di Marco Magnano

Mentre il confine meridionale d’Europa si sposta sempre più a sud, è importante trovare modi sempre diversi di raccontare, testimoniare e agire sul fenomeno delle migrazioni

Le migrazioni non consentono risposte rapide e semplici, perché complesse sono le domande che pone. Questa affermazione, evidente ma non scontata, segna una delle linee conduttrici del convegno internazionale Vivere e testimoniare la frontiera, in corso a Palermo dal 30 settembre al 2 ottobre e organizzato da Mediterranean Hope, il progetto della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia impegnato da anni sulle frontiere, geografiche e politiche, interessate dal fenomeno migratorio. «Il programma rifugiati e migranti – ha raccontato Luca Maria Negro, presidente della Fcei – ha una storia antica, ma che nella sua forma attuale, quella di Mediterranean Hope non è nato a Roma, bensì proprio in Sicilia, a Lampedusa, con l’apertura nel 2014 di un osservatorio sulle migrazioni, che voleva portare all’attenzione delle chiese sorelle questa emergenza» (…)

www.riforma.it  – Continua a leggere/Vai alla fonte

Immagine di Gaelle Courtens

 

Posted in Centro Diaconale, Rassegna Stampa and tagged , .